La presidente della Provincia dell’Aquila: “ci stanno utilizzando”. Leggere

TERREMOTO. PEZZOPANE: MISURE GOVERNO ANCORA INSUFFICIENTI
LA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DELL’ AQUILA: CI STANNO UTILIZZANDO
(DIRE) Roma, 8 apr. – “Le misure del governo non sono ancora
sufficienti, abbiamo intere areee produttive devastate, guardate
le aziende, i silos abbattuti, le reti disimpegnate, Noi vogliamo
ripartire dall’ Aquila non dalla New Town come dice Berlusconi,
noi vogliamo tornare nella nostra citta’”. Lo dice Stefania
Pezzopane, presidente della provincia dell’ Aquila, ospite questa
sera di Tommaso Labate ed Angela Mauro a ‘ Titoli’ su Red Tv.
“Ho deciso di comportarmi come una cittadina normale per
condividere questo momento con la popolazione- aggiunge
Pezzopane- non sopporto quello che sta accadendo da tre giorni,
oggi sono venuti 10 ministri, Tremonti, Meloni, Zaia, Alemanno
insomma, un po’ di serieta’, veniteci a portare aiuti piuttosto.
Lo dico con il cuore aperto e forte della mia carica
istituzionale. Alla prima conferenza stavo a fianco del
presidente del consiglio, ma ora mi sembra che ci stiano
utilizzando”.
Inoltre, prosegue Pezzopane, “sono assolutamente piu’ convinta
che questa tragedia si potesse evitare, so che c’ e’ una diatriba
scientifica se si possa prevedere o no un sisma, ma comunque si
puo’ prevedere un piano di evacuazione, di assistenza, un piano
di tendopoli, tutto questo non c’ era, non c’ e’ ancora oggi. Erano
state annunciate 2.000 tende, l’ ha detto Berlusconi in persona,
poi non sono arrivate, mia madre ha 80 anni e ha dovuto dormire
in macchina”.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...