Quello che non ci dicono su immigrati e sicurezza

Pensateci un attimo: quando è stata l’ultima volta che avete sentito parlare degli immigrati? Forse era a proposito dei barconi, che ora rispediamo in Libia. E chi se ne importa se poi lì gli immigrati vengono sottoposti a trattamenti inumani – in fondo per tanta destra questi non sono esseri umani. Prova a ricordare questo punto il cardinale Tettamanzi, uno che nella Chiesa preferisce occuparsi degli ultimi piuttosto che di principi astratti. Ne abbiamo parlato anche in questo post, con due storie che tolgono il fiato.

L’altro caso in cui avrete sentito parlare di immigrati sarà a proposito dell’annoso tema della “sicurezza”: a proposito, questo articolo di Ilvo Diamanti spiega bene chi ci guadagna ad alimentare la paura e l’insicurezza. Ecco, sono poche le voci che provano a ricordare come gli immigrati, oltre ad essere umani, sono anche fondamentali per la nostra società. Ma i dati parlano chiaro.

Basta leggere il dossier statistico sull’immigrazione che ogni anno fa la Caritas:

– gli immigrati, dato confermato da Unioncamere, producono ogni anno il 9% della nostra ricchezza nazionale.

– In cambio non gli diamo quasi niente: salari il più delle volte da fame e poi gli spiccioli della spesa sociale dei comuni, cioè il 2,4%. Se vi sembra tanto, lo dividiamo per ogni immigrato: meno di 60 euro a testa

– La separazione tra “italiani” e immigrati che piace tanto alla Lega esiste sempre di meno nella realtà: basti pensare che in molte zone del paese un quarto dei matrimoni è misto

– gli stranieri sono sempre di più in Italia per restare: chiedono il permesso lungo, aprono un’impresa, si comprano una casa

– gli stranieri iscritti al sindacato sono più di 800mila. Sono il 12% dei lavoratori attivi iscritti ad una confederazione

– gli immigrati sono in media più giovani e più istruiti: se questo Paese vuole sopravvivere avrà bisogno delle loro braccia e soprattutto delle loro teste.

E poi, una piccola importante verità: gli immigrati regolarizzati delinquono quanto gli italiani. E’ la clandestinità che spinge alla delinquenza. Ma invece che favorire la regolarizzazione si fa esattamente il contrario.

Ma forse farebbe più effetto, anche in Italia, “un giorno senza immigrati” come ci fu negli USA alcuni anni fa: il Paese si fermò e capì quanto erano importanti.

(Mattia Toaldo)

1 Commento

Archiviato in destra

Una risposta a “Quello che non ci dicono su immigrati e sicurezza

  1. Pingback: L’emergenza sicurezza (sociale) « Italia2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...