Il tempo delle primarie è adesso

E’ vero, la destra italiana è in crisi: esplodono le sue contraddizioni interne e diventa sempre più difficile tenere insieme gli appetiti del suo Capo, il secessionismo razzista del nord e le clientele del Sud. Tuttavia l’uscita “da sinistra” dal berlusconismo non è scontata. Stenta ad affermarsi la credibilità di un’alternativa.
Eppure basterebbe partire dalla realtà, dal declino italiano. In particolare brucia l’aumento dell’ingiustizia sociale, il persistere di una disuguaglianza tra i sessi che non ha pari in Europa, l’aumento della disoccupazione giovanile (+ 4,5% nell’ultimo anno). Secondo i dati della Banca d’Italia il 10% più ricco della popolazione italiana possiede il 45% della ricchezza netta in mano alle famiglie. L’Italia è uno dei 5 paesi industrializzati con la distribuzione del reddito più ineguale, un dato che, secondo le indagini del centro di ricerca NENS, è peggiorato negli anni ’90 anche grazie alle riforme del mercato del lavoro. Il 29% dei lavoratori meridionali non guadagna abbastanza per vivere (chi ha sentito citare questo dato nel dibattito su Pomigliano?), il 29,5% dei giovani sotto i 29 anni è senza lavoro.
Le donne italiane sono tra le più sfruttate d’Europa: guadagnano il 17% in meno dei loro colleghi uomini, vivono nel settantaduesimo paese al mondo per tasso di disuguaglianza, si sobbarcano per intero il peso dell’attività di cura di bambini, anziani e persone non autosufficienti, spesso contemporaneamente e mentre lavorano fuori di casa. Per non parlare della quotidiana mercificazione del corpo femminile, della volgarità machista del discorso pubblico del nostro paese. Come non riconoscersi nello sguardo sull’Italia che propone Sofia Coppola in Somewhere?
Ma questo paese è anche nostro. Dei precari della scuola e delle arti, del milione e mezzo d’italiani che ha firmato il referendum per l’acqua pubblica, degli amministratori come il sindaco Vassallo.
Si può proporre a loro e a noi stessi un Paese più dinamico perché più giusto, dove c’è più “merito” perché si progredisce nel lavoro in quanto capaci e appassionati e non perché si è uomini e si è nati nella famiglia giusta e nella regione giusta. Un Paese dove chi oggi paga le tasse ne paghi il 16% in meno, perché si è azzerata l’evasione (dati di Confindustria) e dove la maggioranza della popolazione torni a respirare, libera da precariato, dai bassi salari e dall’aria inquinata.
Le elezioni del 2008 sono state la peggiore debacle della seconda repubblica: mai Berlusconi aveva vinto con più di nove punti di scarto. E’ successo perché alcune categorie sociali, come le donne disoccupate del sud, si sono spostate verso il centrodestra. Ma soprattutto, si sono rivelati decisivi 2,2 milioni di astensionisti di sinistra: delusi dalle politiche economiche del governo Prodi e scettici sulla possibilità che la politica, e soprattutto la politica di sinistra, possa fare la differenza.
E’ questo il nodo che dobbiamo sciogliere per vincere, la politica utile, la politica di tutti. Per fare ciò non basta mettersi attorno ad un tavolo e ridare un nome a una coalizione. Bisogna ricoinvolgere uomini e donne in carne e ossa, affrontando il tema delle ingiustizie sociali e di genere e avviando – attraverso le primarie – una grande discussione pubblica che metta in campo idee in grado di cambiare la vita delle persone. Le primarie ci servono per prendere di petto la realtà. Chi dice “prima l’alleanza, poi le primarie”, oppure “prima il programma e poi le primarie” non vede che proprio così le primarie diventano la vuota scelta di un leader, di una faccia da spendere per un accordo già chiuso tra vecchie e nuove forze politiche del centro-sinistra, tutte egualmente inadeguate alle domande e alle aspettative di quella parte del Paese che vogliamo riportare a sperare, e quindi a votare. In questo modo le primarie perdono la loro funzione più importante, qui, oggi, nell’Italia di una sinistra battuta e dispersa: la capacità di mobilitazione e di partecipazione di milioni di uomini e donne, unica possibilità per invertire la rotta e per uscire “da sinistra” dal berlusconismo al tramonto.

Cecilia D’Elia

(pubblicato su il manifesto il 28/9/2010)

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Una risposta a “Il tempo delle primarie è adesso

  1. andrea

    Be’, il punto fondamentale è che le primarie, se vere, sono il momento in cui chi si propone per la leadership deve proporre un’alleanza e, ovviamente un programma. Partecipare significa confrontarsi sulle proposte alternative. Finalmente, i politici dovrebbero dire che cosa intendono fare, con chi, come e quando. Si dovrebbero impegnare
    PER QUALE RAGIONE IL CENTROSINISTRA NON PRATICA la stessa cosa per definire i candidati nelle liste? Sarebbe un modo di fare di necessità, virtù…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...