Acqua pubblica: non un sogno ma una solida realtà

In alcune località della Puglia si è iniziato ad avere accesso continuo all’acqua corrente, per la prima volta dopo tanti anni, anche d’estate. Tutto ciò avviene perché l’Acquedotto Pugliese è stato risanato. Meglio tardi che mai, verrebbe da dire, specie nel paese che gli acquedotti li ha inventati. La notizia, riportata tra gli altri da Repubblica Affari & Finanza di lunedì, è tutt’altro che banale da molti punti di vista. Il cattivo funzionamento dell’Acquedotto Pugliese non solo è stato per decenni l’esempio del fallimento dell’intervento pubblico nell’economia e dell’assistenzialismo, ma ha anche finito per essere simbolo della inefficienza economica del nostro Meridione.

L’importanza della notizia, però, non si limita alle vicende di un’impresa pubblica, per quanto rappresentativa. Il risanamento dell’Acquedotto Pugliese è stato ottenuto grazie ad interventi che hanno aumentato l’efficienza dell’azienda. Stando alle cronache, infatti, risulta che sono diminuiti gli organici, sono diminuite le “esternalizzazioni” ma sono aumentati i servizi offerti (è aumentato il coinvolgimento nella depurazione), è diminuita la morosità. Inoltre, l’azienda è in grado di avviare un significativo ma fattibile sforzo di investimento. Il tutto nel contesto del risanamento finanziario. Non bisogna fare un eccessivo sforzo di interpretazione, quindi, per capire che il significato di questo risultato è più ampio, e non riguarda solo i pugliesi.

In primo luogo, il pessimo stato dell’Acquedotto Pugliese era uno degli esempi attraverso cui si sosteneva che la gestione pubblica dei servizi idrici fosse, naturalmente, destinata a essere antieconomica, parassitaria (quando non criminogena), quindi di naturale appannaggio dei privati. Più in generale, questa storia di successo dimostra che l’intervento pubblico nell’economia può avere un senso. Pensiamo a quanto questo sia importante quando si parla di scuola pubblica, università, sanità. Il che, naturalmente, non esclude il concorso dei privati, ma sicuramente non lo impone, come molti vorrebbero.

Certo è che ognuno deve fare la sua parte. Il fatto che il risanamento dell’Acquedotto Pugliese sia stato realizzato senza macelleria sociale è importante, ma è pur sempre stato possibile grazie anche alla riduzione degli organici (inclusi i dirigenti). Insomma, i carrozzoni sono contro un’economia pubblica efficiente, cioè contro gli interessi di cittadini e lavoratori. Se risanare un carrozzone è stato possibile è stato grazie a una forte volontà politica.

E’ quindi, alla politica che ci si deve rivolgere: non c’è niente di ineluttabile in tanti episodi di inefficienza della pubblica amministrazione e delle aziende pubbliche. E’ la politica che deve dimostrare di avere le capacità, la grinta e le idee necessarie per dare una prospettiva alla gestione dei beni pubblici di questo paese. Oggi c’è l’esempio di un’azienda pubblica che – contro ogni aspettativa – ha vinto sul fronte dell’efficienza chiedendo a tutti i lavoratori di dare secondo le proprie possibilità, chiedendo in contropartita una modica tariffa per dare acqua a tutti secondo i propri bisogni. Non è poco. Sono cose che dovrebbero fare riflettere a molti, anche a sinistra.

(Andrea Declich)

5 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, economia, sinistra

5 risposte a “Acqua pubblica: non un sogno ma una solida realtà

  1. Tutti gli acquedotti andrebbero, specie quelli del sud, messi a punto e dato in gestione al pubblico. Ammodernizare gli impianti corrosi da ogni sorta di cosa. Qui a Vibo Valentia hanno trovato l’arsenico e tanti materiali nocivi. Siamo costretti a comperare l’acqua da anni e con entrate esigue e il caro vita, ci stiamo svenando!

  2. L’acqua è di tutti, come il mare, i monti e tutto ciò che è natura. Chi se ne vuole appropriare è un delinquente!
    Ricordatevi malfattori che la natura si vendica!

  3. Bruno

    …la privatizzazione dell’acqua non deve passare. Mi risulta che nell’area pontina (Aprilia, etc) gli abitanti stiano passando le pene dell’inferno contro un gestore arrogante e carissimo. Solito discorso: le privatizzazioni da noi producono solo danni, peggioramento dei servizi e incremento dei costi. Oltre che permettere ad alcuni satrapi senza scrupoli di accumulare smisurate fortune personali (vedi sanità).

  4. Pingback: Guida ai referendum e all’Italia che verrà | Italia2013

  5. Pingback: Il referendum e l’Italia che verrà |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...