Archivi categoria: cultura e ricerca

Guida ai referendum e all’Italia che verrà

Domenica e lunedì si vota per i referendum su acqua pubblica, nucleare e legittimo impedimento. Domenica scorsa, in un’intervista all’Unità, il presidente della Toscana Enrico Rossi (qui il testo) ha detto che, quasi quasi, nei 4 quesiti ci sono le basi per un prossimo programma di governo di centrosinistra: nuovo modello di sviluppo, beni comuni, la legge è uguale per tutti. Certo, ci sono altri punti da sviluppare e quella di Rossi è più che altro una provocazione culturale. Vediamo di cosa si parla nei quesiti ma vediamo anche come le idee che gli stanno dietro sono le più realistiche in circolazione. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, democrazia e diritti, destra, economia, elezioni

Dalla cultura degli eventi alla cultura dei progetti

Il Castello Colonna di Genazzano, sede del CIAC

Lavoro in un museo poco distante da Roma, in un antico palazzo della famiglia Colonna oggi sede di un museo d’arte contemporanea, il CIAC (Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea) a Genazzano. In un piccolo paese di poco più di cinquemila anime non è scontata la presenza, accettata, di un museo che fa ricerca sui temi della contemporaneità.  Quello che per noi è stata un’esigenza vitale, di legarci al territorio, oggi è diventata un nostro tratto distintivo. Nel panorama dei musei con la stessa identità il legame con il territorio è una caratteristica che ci identifica. E’ qualificante trasformare una condizione di apparente separazione da un centro programmatico come Roma in una condizione di vantaggio. Per territorialità intendo la possibilità di dar valore al contesto, senza il rischio di cadere nel provincialismo. Anzi assumere il termine provinciale nella sua accezione più positiva. Si possono pensare progetti di Cultura Alta anche partendo dalla periferia. Non è detto che il moto debba sempre essere quello di un centro nevralgico che informa le diverse istanze al suo contorno. La periferia può, al contrario, proporre grandi spunti di ricerca ed essere un valido contesto per stimolare la creatività di artisti, anche affermati. Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, Roma

Colpo di grazia alla cultura.

E’ un momento drammatico per la cultura italiana. Nella stessa giornata abbiamo appreso che Cinecittà Luce rischia di chiudere e che il Sovrintendente dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia Bruno Cagli, davanti all’ennesimo annuncio di tagli, minaccia di lasciare. Altri 27 milioni vengono infatti negati, si aggiungono così alla già insopportabile politica di depauperamento delle risorse pubbliche destinaste alla cultura. Non è l’ennesima scure che si abbatte sui teatri, sul cinema, sulle istituzioni musicali, sulle giovani generazioni di artisti e sui tantissimi lavoratori del settore. E’ l’ultimo attacco di una guerra a un vasto mondo detestato da questa destra che ci governa. Continua a leggere

16 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, Roma, Uncategorized

Privatizzare il Colosseo (e non riuscirci)

I media ne hanno parlato poco, ma la notizia del mancato investimento dei privati per il restauro del Colosseo è clamorosa. L’incapacità del ministro Bondi e del suo collaboratore Mario Resca, direttore generale alla Valorizzazione dei Beni Culturali (!) hanno veramente dell’incredibile.

Il Colosseo è stato definito dall’Unesco, patrimonio dell’umanità ed è anche una delle sette meraviglie del mondo. E’ chiaro ministro? Una delle sette meraviglie. Non una delle tante. Ma una tra (solo) sette. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in cultura e ricerca, Roma

150 anni

Ogni mattina accompagno mia figlia alla scuola Fratelli Bandiera. Il mio impegno di amministratrice pubblica mi ha reso più attenta alla topografia della memoria: nomi delle scuole, delle strade, targhe sui muri delle città. Ogni tanto mi capita di rappresentare la Provincia di Roma alle commemorazioni – 8 settembre, via Fani, Porta Pia, la Storta, … – e pensare a quelle vite stroncate, immolate, a chi ha combattuto, ai perché, ai torti e alle ragioni, ai loro affetti, alle famiglie, all’intreccio tra le storie dei tanti e la Storia d’Italia. Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, Donne, letture

L’università del dopo Gelmini

1. Un mese fa la Camera sospendeva l’esame del ddl Gelmini sull’università per palese mancanza dei fondi ritenuti necessari dalla stessa maggioranza alla sua approvazione. Il problema, come si usa dire, era (ed è) politico, tanto quanto lo è la scelta strategica dell’allocazione delle risorse pubbliche in un epoca di crisi economica. La protesta dei ricercatori nasceva infatti dai tagli al sistema che ne hanno messo in ginocchio le possibilità di sopravvivenza (senza la, più o meno, volontaria prestazione d’opera loro e del precariato accademico). Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, democrazia e diritti, lavoro

Il valore della cultura e la cultura del valore

L’iniziativa di protesta di venerdì 12 novembre “Porte chiuse luci accese sulla cultura” è un’occasione preziosa per ragionare su uno dei più grandi equivoci che il centro destra e il governo Berlusconi stanno cercando di imporre al paese. Si voglio spacciare i tagli alla cultura come un’operazione che elimina il superfluo per concentrare le risorse e le attenzioni su altro. Non è così. E non solo perché la fruizione culturale “ci piace” ma perché rappresenta molto ma molto di più per l’economia del paese e per la sua tenuta sociale.

Lo sciopero del 12 è il punto alto di arrivo di molte manifestazioni particolari di queste ultime settimane, ma per volti versi rappresenta anche un punto di partenza per ragionare su un tema cruciale per la crescita del nostro paese. A che serve la cultura?

Continua a leggere

33 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, economia

Uccidere il cinema italiano?

Chi sono quelli che nei giorni scorsi hanno prima occupato la casa del Cinema e poi invaso il tappeto rosso della Festa del Cinema di Roma? Sono autori, attori, sceneggiatori, persone che lavorano ai film. Solo una parte delle 250mila donne e uomini che rischiano di perdere il lavoro che hanno nell’industria cinematografica. Ecco un video che spiega le loro ragioni e perché vale la pena di ascoltarle. Non è in gioco solo un’industria (con più addetti e meno assistita della Fiat!) ma anche la costruzione di identità e memoria per il nostro Paese. Qui il loro sito.

1 Commento

Archiviato in cultura e ricerca, democrazia e diritti, economia, Roma

I ricercatori e la riforma Gelmini (o “del prendere coscienza di sé”)

Merita di essere rielaborata la vicenda del movimento universitario di questi ultimi mesi: affogata da notizie apparentemente più grandi, non ne sono stati apprezzati fino in fondo i meriti e i risultati (seppur provvisori e non soddisfacenti) di quello che sembra un giro di boa della mobilitazione, della discussione pubblica sull’università e dell’iter parlamentare della riforma contestata. Continua a leggere

9 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, democrazia e diritti, lavoro

Il furto di cultura

Nelle scorse settimane le pagine romane del Corriere della Sera hanno avviato – meritoriamente – un dibattito sul ruolo della cultura a Roma. Più specificamente sul suo ruolo in un’epoca di crisi economica, tagli agli enti locali e richieste di sacrifici per i propri cittadini. Purtroppo, a oggi, manca un progetto strategico di rilancio e rafforzamento della Città a partire dalla cultura. E’ opinione comune che non usciremo da questa crisi economica come vi siamo entrati: per questo gli investimenti in cultura –qui e ora –servono per costruire un futuro per Roma e la sua area metropolitana. Non possiamo inventarci capitale mondiale della piastrella o della meccanica: dobbiamo partire da quello che siamo. Oggi più di ieri, abbiamo bisogno di rafforzare il bacino della produzione e offerta di cultura e le infrastrutture pubbliche che possono essere volano di questa produzione. Come a Barcellona, la città presa a modello dal Sindaco pochi giorni fa (ma l’anno scorso non era Madrid?). Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in cultura e ricerca, Roma