Archivi categoria: democrazia e diritti

Madri della Repubblica. Il due giugno delle donne.

duegiugnodonne Il 2 giugno del 1946 le donne italiane votarono per eleggere, dopo il disastro della guerra e del fascismo, l’assemblea che avrebbe dato all’Italia la nuova Costituzione. Come ci racconta Miriam Mafai: “votarono con preoccupazione, con orgoglio, con speranza, con emozione” Lei, troppo giovane per votare era andata in piazza Montecitorio a salutare le prime donne che entravano da deputate nel palazzo. “vivemmo insieme quel giorno come un nostro grande successo, non solo delle donne che nell’Italia liberata avevano potuto partecipare agli incontri, alle petizioni alle manifestazioni per il diritto di voto ma anche di quelle che nell’Italia occupata dai fascisti e dai tedeschi per anni si erano battute anche per il riconoscimento di questo diritto” Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in democrazia e diritti, Donne

RENZI E IL SORPASSO

SORPASSOdi Lorenzo Fanoli

Queste elezioni le ha vinte il nuovo (dal punto di vista elettorale) Partito Democratico di Renzi.
I motivi, le dimensioni e le caratteristiche di questo risultato elettorale sono state ampiamente  illustrate da diversi analisti e commentatori. Tra quanto da me letto e a mio avviso, i pezzi migliori e  più interessanti, sono quelli usciti il 27 maggio sul Corriere della Sera (Luca Comodo e Ipsos) che fa una panoramica su flussi e composizione del voto sulla base di dati derivanti da interviste ad un ampio campione di elettori (circa 7.000 casi), su Repubblica (Diamanti e Demos) molto ampia e articolata basata su diverse fonti e, da Andrea Fabozzi sul manifesto che analizza gli scostamenti tra le politiche 2013 e le elezioni di questo 25 maggio, e, infine Quello dell’Istituto Cattaneo sui flussi basato su elaborazioni statistiche che sembra ridimensionare la capacità attrattiva di voti da Movimento 5 stelle e Pdl verso PD.
http://www.cattaneo.org/images/comunicati_stampa/Analisi%20Istituto%20Cattaneo%20-%20Europee%202014%20-%20Flussi%20elettorali%20in%2011%20citt%20_27.05.14.pdf

Provo ad aggiungere (e “rubare”) qualcosa.
Continua a leggere

Lascia un commento

di | 28 Mag 2014 · 10:48

La partita europea sull’aborto.

parlamento-europeo-lgbtqLa bocciatura al Parlamento Europeo della proposta di risoluzione sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi (Sexual and Reproductive Health and Right) di cui era relatrice la socialista Estrela in Italia ha fatto molto clamore perché tra le astensioni che l’hanno resa possibile vi sono quelle di sette parlamentari del Partito Democratico. Titoli di giornali e argomentazioni, sia tra i critici che tra i difensori di tale scelta, hanno in genere attribuito alla proposta di Estrela l’affermazione del “diritto di aborto” come diritto umano.

Non riuscivo a crederci e ho deciso di leggere il testo della risoluzione bocciata. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, Europa

Alcune idee per sopravvivere al governo “a larga conservazione”

Vignetta di Mauro Biani per Il Manifesto

Vignetta di Mauro Biani per Il Manifesto

Il governo Letta, se tutto andra’ bene per chi lo sta sostenendo, nascera’ all’inizio della prossima settimana. Vale la pena ragionare su alcuni calcoli e fare alcune proposte per chi all’interno di quel che fu Italia Bene Comune quel governo non lo vuole sostenere. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, elezioni, sinistra

Sesso a pagamento e identità maschile postmoderna

uominichepaganoUn viaggio nel mondo del sesso a pagamento, interrogando soprattutto la figura del cliente, senza pregiudizi ma con la volontà di capire i mutamenti della mascolinità. Uomini che pagano le donne. Dalla strada al web, i clienti nel mercato del sesso contemporaneo (Ediesse, 2013) di Giorgia Serughetti parte dalla constatazione di come questa figura, per anni misconosciuta, oggi sia diventata il focus del discorso sulla prostituzione. L’analisi muove infatti dalla legislazione  svedese del 1999, che ha fatto diventare reato l’acquisto di servizi sessuali per poi percorrere a ritroso il dibattito sulla prostituzione, offrendo una panoramica delle interpretazioni femministe distinte tra quelle che leggono la prostituzione come espressione della dominazione patriarcale, quelle che analizzano la soggettività e la dimensione della scelta e quelle che intendono la prostituzione come un lavoro. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in democrazia e diritti, Donne

Cosa intendiamo quando parliamo di “investitori esteri”

Lorenzo Fanolidream act

Tra le cose importanti che Obama ha iniziato ad affrontare, immediatamente dopo il giuramento per il secondo mandato, vi è la riforma delle leggi sull’immigrazione.
Il 28 gennaio si è diffusa in tutto il mondo la notizia che il gli Stati Uniti d’America potrebbero legalizzare 11 milioni di immigrati clandestini. Ci sarebbe un accordo al Senato tra Repubblicani e Democratici per deliberare al più presto a riguardo.
Il presidente degli Stati Uniti con un discorso tenuto il 29 gennaio a Las Vegas, ha spiegato i principi fondamentali di una riforma dell’immigrazione che incorpora tutte le controversie politiche di Washington. Il progetto del presidente supera a sinistra le linee guida presentate il 28 gennaio dalla“gang of eight” guidata a destra da John McCain e Marco Rubio e a sinistra da Chuck Schumer e Dick Durbin. Obama ha aggiunto a quella miscela condivisa, un ingrediente che ne cambia il sapore. La strada che porterà gli undici milioni di immigrati clandestini attualmente negli Stati Uniti alla cittadinanza dev’essere dritta e sgombra da ostacoli, non tortuosa e prudente come vorrebbero i repubblicani. In una mossa il presidente ha cercato di trasformare un accordo bipartisan “incoraggiante” in una rivoluzione liberal. L’enfasi obamiana sulla regolarizzazione rapida e “straightforward” è indigesta per il Partito repubblicano, che ha aperto a una riforma sull’immigrazione anche per mettere una pezza sugli squilibri demografici che lo penalizzano alle elezioni. Il Partito Repubblicano non può permettersi di alimentare l’immagine di partito ostile all’immigrazione, soprattutto da parte degli ispanici, il settanta per cento dei quali ha votato per Obama, ma allo stesso tempo ha bisogno delle garanzie ottenute nello scambio fra senatori e subito censurate da Obama: controlli severi sul confine, uno status legale intermedio per chi paga una multa e le tasse arretrate, un percorso prudente e tortuoso per chi arriva negli Stati Uniti, tolleranza zero per chi ha la fedina penale sporca.
La riforma della legislazione sull’immigrazione potrebbe essere approvata entro la primavera/estate di quest’anno.
Si tratta di un fatto di importanza storica che rappresenterebbe anche una sorta di atto conclusivo di un processo iniziato nel 2010 quando Obama aveva presentato una proposta- il dreamact – per concedere la nazionalità americana a cittadini stranieri giunti da bambini negli USA. Tale proposta era stata bocciata dal Senato a maggioranza repubblicana.

Si tratta di una notizia storica anche per noi, per diversi motivi. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, economia, mondo, Uncategorized

Cosa c’è in ballo domenica, un esempio sui prestiti universitari

Immagine tratta da corriereuniv.it

Molto spesso si dice che la politica non cambia nulla, su questo blog abbiamo cercato di dimostrare che non è così. Negli ultimi 30 anni ha cambiato molte cose, quasi sempre in peggio. Nel futuro, se ci getteremo questo trentennio conservatore alle spalle, potrebbe mutare in meglio le vite di tante persone.

Una parte cruciale dell’esistenza è rappresentata dalla formazione, prima la scuola e poi per alcuni anche l’università. E’ su questo che si gioca una parte considerevole della mobilità sociale ed è da questo, anche se non lo si dice quasi mai, che dipende la promozione del merito: perché un Paese dove i figli degli architetti fanno gli architetti, i figli dei farmacisti gestiscono le farmacie e chi ha un papà avvocato ha più possibilità degli altri di fare l’avvocato non è detto che i professionisti siano sempre bravi e competenti (si guardino qui i dati di Alfredo Amodeo). Così è l’Italia di oggi, ed è sempre di più così anche grazie alle politiche attuate prima dal governo Berlusconi e poi da quello Monti: i tagli alla formazione (più di 10 miliardi solo dall’inizio della crisi) e il drastico taglio dei fondi per il diritto allo studio sono tra le cause della diminuzione degli iscritti ai corsi universitari. E’ lecito sperare che un nuovo governo di centrosinistra inverta questa tendenza investendo nel sistema di diritto allo studio e nell’uguaglianza nell’accesso all’università e alla ricerca. A questo proposito, una lettera ricevuta di recente e la lettura del programma di Matteo Renzi mi hanno chiarito quale sia la posta in gioco nel ballottaggio delle primarie di domenica. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, democrazia e diritti, sinistra, università