Archivi tag: #15ott

I significati della violenza del 15 ottobre e l’onda lunga del ’77

Un

“Senza senso”, “folle”, “criminale” e “teppistica”, così è stata definita a caldo l’esplosione di violenza durante il corteo degli indignati, degenerato in scontri tra parte dei manifestanti e le forze dell’ordine, sabato 15 ottobre a Roma.

Mai come in questa occasione, negli ultimi anni, l’impiego della violenza ha risposto, in realtà, ad un disegno razionale e ha portato a risultati politici concreti. “Non piantiamo tende, ma grane”, recitava uno slogan dell’ala dura del movimento. Il primo obiettivo dei violenti, infatti, era impedire l’occupazione pacifica e duratura di piazza San Giovanni, così come accadeva in centinaia di altre città, in Europa e nel resto del mondo. A Roma, invece, si è guardato ad Atene, al modello di conflittualità permanente lì sperimentato.

Ma chi si nasconde dietro il “Blocco nero”?

Continua a leggere

14 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, Europa, letture, partiti, sinistra

Il 15 ottobre spagnolo

Una foto dalla "Repubblica del Sole"

Cinque mesi dopo, la Puerta del Sol di Madrid è tornata a raccogliere l’indignazione e la voglia di cambiare di decine di migliaia di persone. Una piazza piena di rabbia, certo, ma anche allegra e rigorosamente non-violenta, perché tale è l’identità di un movimento fondato sul dialogo, la partecipazione e la ricerca del consenso, lontano anni luce dalla furia nichilista dei teppisti di Roma. Non a caso, qua in Spagna, la simpatia nei confronti degli indignados continua a crescere e nessuno dubita che il movimento del 15-M sia ormai un protagonista della politica nazionale – in grado, tra l’altro, di parlare al mondo.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in economia, Europa, sinistra