Archivi tag: elezioni europee 2009

3 buone notizie

Agli scienziati della politica l’approfondimento analitico dei dati. Intanto qualche prima osservazione statisticamente fondata sul solo voto italiano:

  1. La maggioranza di Berlusconi è al palo.

    Se il saldo percentuale è in pareggio (- qualche spicciolo rispetto alle politiche del 2008), quello in termini assoluti vede un calo di 3 milioni di voti al Popolo della libertà, non compensato dai circa 100mila voti guadagnati dalla Lega. Ora sappiamo cosa farcene degli indici di gradimento vantati da Berlusconi una settimana sì e l’altra pure.

  2. Le opposizioni rappresentano metà del Paese.

    Composite, disperse, forse incompatibili, le forze del Centro Sinistra che fu guadagnano quasi un punto e mezzo rispetto alle politiche di un anno fa, con Di Pietro che guadagna 800mila voti, i Radicali che riducono il calo del Pd e le liste della sinistra che – complessivamente – guadagnano 200mila voti in termini assoluti. Al loro fianco l’Udc tiene i suoi voti e aumenta percentualmente. In tutto le opposizioni al Governo fanno (quasi) il 50% degli elettori. Come si componga – di qui al 2013, passando per le regionali del prossimo anno – questa maionese senza farla impazzire attiene all’arte della politica, se ce ne è una.

  3. Agli italiani e alle italiane non piace il bipartitismo.

    Appena sono stati lasciati liberi dal “voto utile”, gli elettori e le elettrici italiani hanno ridotto del 10% i consensi ai due principali partiti, che perdono complessivamente 6 milioni e mezzo di voti. Il 40% degli elettori non vota per il binomio. Forse bisognerà tenerne conto al referendum e dopo.

1 Commento

Archiviato in destra, elezioni