Archivi tag: Nucleare

Come cambia l’Italia del referendum

La prima pagina de L'Unità il giorno dopo il referendum sul divorzio del 1974

Questo referendum, forse, rimarrà nella storia come quello sul divorzio del 1974: uno spartiacque, una grande e positiva sorpresa che dimostra che il Paese è cambiato, sotto tanti aspetti: è cambiato il modo di pensare, è cambiata la società ed è cambiato il modo di fare politica. I quesiti sull’acqua dimostrano che il trentennio conservatore italiano può finire perché la popolazione non crede più che “privato è bello” per forza. Insieme a quello sul nucleare, questi quesiti dimostrano che oramai c’è una coscienza ambientalista e a favore della tutela dei beni comuni diffusa e che anche i politici di centrodestra, se vogliono rimanere in sella, devono dimostrare di essere sensibili su questi temi. Il  successo del referendum sul legittimo impedimento chiarisce che, nonostante 18 anni di berlusconismo, il Paese non si è non si è fatto convincere dall’idea che gli “eletti dal popolo”siano sciolti dalla legge. Ma tutto questo è niente in confronto al cambiamento che c’è stato nella società e nel modo di fare politica. Continua a leggere

11 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, destra, elezioni, partiti, sinistra

Guida ai referendum e all’Italia che verrà

Domenica e lunedì si vota per i referendum su acqua pubblica, nucleare e legittimo impedimento. Domenica scorsa, in un’intervista all’Unità, il presidente della Toscana Enrico Rossi (qui il testo) ha detto che, quasi quasi, nei 4 quesiti ci sono le basi per un prossimo programma di governo di centrosinistra: nuovo modello di sviluppo, beni comuni, la legge è uguale per tutti. Certo, ci sono altri punti da sviluppare e quella di Rossi è più che altro una provocazione culturale. Vediamo di cosa si parla nei quesiti ma vediamo anche come le idee che gli stanno dietro sono le più realistiche in circolazione. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in cultura e ricerca, democrazia e diritti, destra, economia, elezioni

A che punto sta il referendum

Foto della blogger marocchina Likepinkelephant, anche ieri nel suo Paese manifestazioni represse dalla polizia

Oggi e domani presidio (anche serale) davanti a Montecitorio per impedire che il parlamento blocchi il referendum sul nucleare. C’è chi l’ha definita “Puerta del Sol a Montecitorio” perché l’idea è quella di riproporre un accampamento permanente per la difesa della democrazia. Ma a che punto sta il tentativo di impedire l’esercizio di questo diritto costituzionale? Bisogna leggersi questa intervista al costituzionalista Alberto Lucarelli che è stato uno dei promotori dei quesiti sull’acqua e che, notizia di sabato, potrebbe diventare un assessore della giunta De Magistris a Napoli in caso di vittoria: un motivo di più per i napoletani per vincere ogni resistenza e andare a votare domenica e lunedì prossimi.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in democrazia e diritti, elezioni

Germogli verdi in Germania

La piroetta opportunistica degli ultimi giorni della campagna elettorale non è bastata: la maggioranza degli elettori tedeschi chiamati a votare domenica scorsa, nei due prosperi Länder sud-occidentali del Baden-Württemberg e della Renania-Palatinato, non ha creduto alla conversione “antinuclearista” della coalizione democristiano-liberale che governa a Berlino. L’opinione pubblica tedesca, tradizionalmente sensibile alle questioni dell’ambiente, ha mostrato di considerare l’incidente di Fukushima come il tema decisivo sul quale orientare le proprie scelte elettorali, a beneficio del partito che da trent’anni ha costruito la propria identità intorno all’opposizione all’energia nucleare: i Verdi. Esiste una logica, evidentemente, anche in politica. Almeno ogni tanto e da qualche parte…

Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in elezioni, Europa, partiti, sinistra

Perché i referendum sono importanti

Mercoledì la Corte Costituzionale ha deciso per l’ammissibilità di alcuni importanti quesiti referendari sull’acqua, sul nucleare e sul “legittimo impedimento”. Insieme alle elezioni amministrative sarà questa la battaglia fondamentale di questa primavera, a meno che non vengano convocate le elezioni anticipate. In ballo ci saranno alcuni degli elementi fondanti del “trentennio conservatore italiano”: il deteriorarsi della qualità della democrazia e la restrizione degli spazi di partecipazione, l’affermazione delle rendite e della finanza a scapito della produzione, la privatizzazione dei beni comuni, la concezione del “Capo” come persona “libera dalle leggi” solo perché eletta dal popolo. Una vittoria dei sì su questi quesiti sarebbe una svolta importante quasi quanto una vittoria nelle elezioni politiche. Vediamo perché.

Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, economia, elezioni, Europa