Archivi tag: Ricerca

La retorica del “merito” e l’Italia delle 3 “i”: incompetenza, illegalità e ingiustizia

La parola “merito” è diventata molto trendy nella politica italiana degli ultimi anni. E’ stata la parola d’ordine della riforma Gelmini dell’università, che veniva propagandata come un modo per promuovere il “merito” contro i “baroni”. E’ oggi una delle tre parole chiave della campagna di Matteo Renzi.

Non è diventata popolare per caso. E’ il segno della rivolta di una parte del Paese contro la staticità della classe dirigente, intesa in senso ampio: da chi fa politica a chi comanda in ufficio. Cosa c’entra tutto questo con le manifestazioni studentesche che si svolgeranno domani 12 ottobre? Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in cultura e ricerca, università

La maternità è un lusso?

foto tratta da mamma.pourfemme.it

Una delle tante anomalie italiane è il funzionamento del diritto alla maternità: come tanti pezzi del nostro welfare non dipende dalla cittadinanza o dalla semplice condizione di bisogno ma dalla tipologia contrattuale. Cioè due donne che vivono nello stesso Paese, l’Italia, non hanno diritto ad assentarsi dal lavoro per lo stesso tempo o molte volte non ne hanno diritto affatto. Ora, addirittura, Roberto Ciccarelli ci racconta come l’università di Firenze abbia deciso che questo diritto si esercita solo se il “capo” (quasi sempre maschio) trova i soldi facendo fund-raising. Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, Donne, Europa

Cambiare l’università, cambiare la società

L’Università italiana è in mobilitazione questa settimana. Si protesta contro il disegno di legge di riforma presentato dal ministro Gelmini e contro i tagli portati avanti da questo governo, non casualmente, fin dai primi mesi in cui aveva il potere. Insieme con la situazione degli enti lirici sono due spie della situazione della cultura in questo paese che si trova davanti non solo al governo più anti-intellettuale della storia della repubblica ma anche al fallimento di un modello di sviluppo, quello dell’Italia molecolare, che non ha mai veramente fatto tesoro del patrimonio storico e culturale di questo paese preferendo concentrarsi su altre risorse: le micro-dimensioni, il basso costo del lavoro, la possibilità di aggirare leggi e imposizione fiscale, l’assenza di sindacati e il rapporto con il territorio, inteso non come cultura e storia ma come insieme di poteri e forze locali. E’ la sopravvivenza ad ogni costo di quel modello, con la conseguente scomparsa di tutto ciò che gli è estraneo come la cultura e la ricerca, che oggi è in gioco.

 La battaglia sull’università e la ricerca non è una battaglia di resistenza. E’ da lì, come dalla cultura e dall’economia sostenibile, che parte una risposta diversa alla crisi. Ma è sempre da lì che parte un assetto dei poteri dentro la società, anzi dentro la vita delle persone, diverso. Ecco perché, oltre alle giuste rivendicazioni  di questa settimana, è utile fare alcune riflessioni. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in cultura e ricerca, Uncategorized

Roma, Italia:così si è uccisa la ricerca

Gran parte  della ricerca pubblica è situata nell’ area metropolitana di Roma: un vero settore produttivo con migliaia di persone impiegate. Un settore in crisi, ma non dal 2008 come il resto dell’economia italiana.

L’inizio della fine si può far risalire ai primi anni Novanta quando incominciò una vera e propria politica pubblica di disinvestimento sulla ricerca. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in cultura e ricerca, economia, Uncategorized