Archivi tag: vendola

Chiudere il trentennio conservatore. Cosa dice, davvero, l’America all’Italia

Nichi Vendola, concludendo gli Stati Generali delle Fabbriche, ha affermato che uno degli obiettivi del suo progetto è quello di chiudere “la guerra dei trent’anni”, la versione italiana dell’egemonia conservatrice. L’America in questo senso può essere un esempio, a patto ovviamente di tenere a mente le enormi differenze – storiche e politiche – che esistono tra Chicago e Bari. Non si tratta di alimentare la rincorsa alla ricerca dell’Obama italiano (ci sono bastate le elezioni del 2008), ma bisogna piuttosto guardare agli Usa per osservare la realtà, complicata, di un progetto di governo che tenta di allontanarsi dal trentennio inglorioso, nel quale hanno vissuto sia gli europei che gli americani. Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in destra, elezioni, mondo, partiti, sinistra

5 cose che abbiamo visto delle Fabbriche

Lo scorso fine settimana, in un campeggio vicino Bari, ci sono stati gli Stati Generali delle Fabbriche di Nichi. Ieri c’è stato il discorso conclusivo di Nichi Vendola, con il quale ha annunciato la propria candidatura alle future (e non ancora previste) primarie per il candidato premier del centrosinistra. Ecco alcune delle nostre prime impressioni e riflessioni. Continua a leggere

12 commenti

Archiviato in sinistra

La via crucis del centrosinistra

Gianni Speranza, sindaco di Lamezia Terme

La via crucis del centrosinistra, dopo le elezioni politiche del 2008 e quelle europee del 2009, ha conosciuto una nuova difficile tappa con le elezioni regionali e amministrative di quest’anno. Alla fine di questo calvario una cosa risulta chiara: così non si può continuare, altrimenti si è destinati a perdere. Questo, purtroppo, non vuol dire che il centrosinistra sarà capace di fare fronte alle sue difficoltà, prendere atto dei suoi errori, correggere le sue scelte recenti. Anzi la “coazione a ripetere” i propri errori rischia di prendere il sopravvento, come molti segnali inquietanti lasciano intendere.

E invece occorre avere il coraggio di tirare una linea, fare le somme e provare a cambiare. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in elezioni, sinistra

Politica bottom up

In questi giorni si sono sprecate le analisi dei risultati elettorali e della sconfitta della sinistra (che fra l’altro valgono quel che valgono, perché con un pugno di voti in più in Piemonte e Lazio oggi saremmo qui a parlare di una crisi del PDL), così come gli appelli per trovare nuove idee, nuove strategie, nuovi leader e una nuova classe dirigente. E’ possibile, tuttavia, che non siano questi gli aspetti su cui è necessario focalizzarsi, se consideriamo un aspetto chiave che emerge da queste elezioni in modo determinante. Ovvero un rivolgimento della politica italiana, che sta attraversando un mutamento epocale. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in elezioni, partiti, sinistra