Archivi tag: Walter Veltroni

Veltroni, Bobbio, il riformismo e l’eguaglianza

bobbiodi Jacopo Rosatelli

Un omaggio doveroso, ma dal contenuto assai discutibile, è quello che su La Stampa (9.1.2014) Walter Veltroni ha offerto alla memoria di Norberto Bobbio, nel decennale della sua morte. Per l’ex segretario del Pd, il senso della lezione che l’intellettuale torinese impartì alla sinistra italiana è il seguente: «se la sinistra è conservatrice non è sinistra. Se difende l’equilibrio dato, con il suo carico di ingiustizie e di diritti negati, viene meno al suo compito». Et voilà: anche Bobbio reclutato nella folta schiera dei fautori del contemporaneo «riformismo», interpretato oggi da Matteo Renzi, continuatore del veltroniano «spirito del Lingotto».

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in sinistra

Il triplice inganno del decisionismo

Carl Schmitt

All’accorata lettera all’Italia pubblicata dal Corsera il mese scorso, è seguito il rombante “documento dei 75” e chissà cosa ci attende ancora: Walter Veltroni ci ha preso gusto e pare faccia sul serio. Lasciando ad altri ogni acuta speculazione sui movimenti di Palazzo, sulla scia dell’ottimo articolo di Michele Prospero sul Manifesto di martedi 21 ci dedichiamo, invece,  a prendere sul serio uno degli argomenti  su cui l’ex segretario dei DS e del PD insiste di più, da lui inteso come arma contro la linea (?) neoproporzionalista (??) di Bersani: parliamo della necessità di una «democrazia decidente».   Un argomento che,  forse a dispetto di quanto pensi lo stesso Veltroni, rappresenta una delle architravi dell’ideologia dell’intera “sinistra moderata” degli ultimi vent’anni. Un argomento, lo si anticipa subito, a nostro giudizio profondamente sbagliato. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, sinistra

Questa volta si può fare

Visti gli avvenimenti di questa estate è lecito pensare che la prossima primavera ci saranno elezioni anticipate. E’ già iniziato il dibattito nel centrosinistra su come vincerle, vale la pena allora fare un ripasso ragionato su come si sono perse le elezioni dal 2008 ad oggi e su quali sono i fattori cruciali a cui guardare per capire quale campagna elettorale fare, su quali temi puntare e quale coalizione formare. Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in destra, elezioni, Roma, sinistra

Stessa spiaggia, stesso mare

Gli ultimi giorni agostani coincidono, tradizionalmente, nel nostro paese, con “la ripresa del corso politico” (come si dice in gergo). Quest’anno la novità è segnata dalla ricomparsa del nobile genere dell’epistola politica, pur se nella forma della “lettera al direttore” di quotidiani di grande tiratura. Le note di Veltroni e Bersani hanno fatto sensazione, e politici e politicanti del centrosinistra sono lì impegnatissimi a discuterne e a “posizionarsi”. Buon motivo per parlare d’altro, verrebbe da pensare. Ma è pur sempre ancora agosto: e allora concediamoci anche noi il lusso di fare un po’ di chiacchiera, prima di tornare a dedicarci a cose serie. Non è un pregiudizio o un vezzo snobistico, il nostro: sia chiaro. Il problema, semmai, è che sotto il sole non c’è nulla di nuovo. Nulla che già non sapessimo, nulla che già non ci avesse annoiato, nulla che già non si sia rivelato impraticabile, irrilevante, sbagliato. Proviamo ad analizzare brevemente i due scritti. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in sinistra

Roma perde il treno

La situazione dei trasporti pubblici di Roma è sconfortante. Lo sa bene chi per scelta o necessità è costretto a servirsene per i propri spostamenti. Una metropolitana insufficiente, che non è possibile chiamare rete, un sistema di tram e autobus che soccombe al traffico automobilistico, il più alto tasso di motorizzazione d’Europa. Le giunte di centrosinistra (1993-2008) avevano deciso di correre ai ripari con la famosa “cura del ferro”: un programma avviato ma non certo concluso. A due anni esatti dall’insediamento della giunta Alemanno, possiamo verificare in che modo sono cambiate le politiche della mobilità cittadina.

Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Roma, Uncategorized, urbanistica

Magari le cose cambiano

Fino a martedì sera è possibile vederlo al cinema Aquila di Roma, poi girerà come può, come capita in questo paese alle produzioni indipendenti. Stiamo parlando di Magari le cose cambiano, il film documentario di Andrea Segre, prodotto da ZaLab e OFF!CINE.

Attraverso lo sguardo di due donne, Neda e Sara, Andrea Segre ci fa entrare a Ponte di Nona, quartiere simbolo dello sviluppo urbanistico della Roma degli ultimi anni. Ne avevamo parlato con un post di Sandra Annunziata qualche mese fa: quel quartiere, abitato da decine di migliaia di persone, è un caso paradigmatico di come non si fa urbanistica creando aggregati sociali privi di servizi e reti sociali. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in cultura e ricerca, letture, Roma, sinistra, urbanistica

Dopo la Puglia

Alzi la mano chi si sarebbe aspettato una così chiara vittoria di Nichi Vendola e una cosa chiara sconfitta di Massimo D’Alema alle primarie di domenica in Puglia. A volte la politica stupisce, come ha scritto in un bell’ articolo oggi Ida Dominijanni sul Manifesto: il “rimescolamento”  e l’innovazione programmatica avvengono non dentro al PD, di cui dovevano essere la prima missione, ma fuori e grazie a personaggi difficilmente catalogabili come Nichi Vendola ed Emma Bonino. Su quest’ultima vale la pena  leggere qui cosa dice su Sanità privata e cementificazione e chiedersi se mai un candidato PD avrebbe avuto quel coraggio e quella chiarezza.

Eppure la vicenda pugliese merita un’analisi più approfondita di quella che si limita a spiegare le fasi e gli eventi politici riducendoli a scontri di personalità. Continua a leggere

12 commenti

Archiviato in elezioni, sinistra, Uncategorized