Rebus del Quirinale

quirinale

Solo una maggioranza coesa, certa di poter eleggere il proprio candidato al quarto scrutinio (come fu per Napolitano nel 2006), ha la forza per condividere un candidato con l’opposizione sin dal primo scrutinio (come fu con Ciampi nel 2009). Ma quella di Renzi non è una maggioranza coesa, ma solo una maggioranza coatta, e dunque non autosufficiente: o Renzi fa un accordo con Berlusconi o apre a Sel e M5S. Siamo tornati esattamente al punto in cui è caduto Bersani. Nel primo caso rischia di perdere la faccia, nel secondo il governo.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...