Conciliare vita e lavoro?Volendo si può per tutti (papà compresi)

L’immaginario collettivo, in particolare nell’ambito lavorativo ed istituzionale, tende ad associare semplicisticamente il termine “conciliazione” con le richieste di part-time da parte della mamme. Che dire? Che purtroppo si tratta di un’ interpretazione riduttiva, miope e per di più tutta italiana[1] (almeno per ora…si spera!). Se parliamo di reale e realistica necessità di conciliazione tra il tempo da dedicare al lavoro e quello da dedicare ai figli, non possiamo prescindere dal fatto che, come è noto, i genitori non sono solo mamme! (e poi diciamolo pure, di nuovi modi e tempi per conciliare la vita professionale con quella privata ne abbiamo bisogno tutti, genitori e non… basti pensare ad esempio alla battaglia delle 35 ore in Francia [2]che è sempre stata ed è tutt’ora al centro di un dibattito molto vivace!).

Certo, la specificità della condizione “femminile” ha risvolti del tutto peculiari[3], ma non è questo (quello della conciliazione) l’ambito in cui affrontarli, perché finché la conciliazione rimarrà un problema prevalentemente o esclusivamente femminile non si potrà parlare di vera conciliazione. Credo sia opportuno e necessario, infatti, che il tema della “conciliazione” vada affrontato in termini di genitorialità e non di genere, perché solo un approccio “trasversale” può inquadrare il problema nella sua complessità, andando nella direzione di una parità che chiede, di fatto, di essere “biunivoca”: anche i papà vogliono vedere riconosciuti il loro ruolo e i loro diritti. Le richieste che emergono da mamme e papà in rete sono significative in tal senso e non possono non indurci a (ri)pensare le modalità organizzative del lavoro (soprattutto in Italia) In tanti segnalano l’assenza di riforme efficaci e l’incoerenza di una società (più o meno civile) che se da un lato condivide il principio per cui il le giovani generazioni vanno educate ed istruite ed amate affinché siano in grado di comprendere ed accrescere il capitale che porta in sé il nostro mondo, dall’altro non vuole rendersi conto del fatto che senza il tempo e le energie da dedicare a quell’educazione, cosa sapranno fare i nostri figli del mondo che gli lasceremo?

Qualche speranza però c’è: negli ultimi anni anche in Italia finalmente è cresciuta l’attenzione al tema della conciliazione sia a livello associativo che istituzionale.  Segnaliamo ad esempio l’evento che ha visto insieme Save The Children, Pari e Dispare e inGenere.it per discutere del Rapporto Save the Children dedicato alle “Mamme nella crisi[4]. Evento che ha messo seduti attorno ad uno stesso tavolo molti interlocutori qualificati e lo stesso ministro del lavoro Elsa Fornero che, pur condividendo l’approccio al tema, ha però evidenziato come la scarsità delle risorse a disposizione non consentono “grandi piani” ma solo un approccio selettivo. Non mi sorprende, purtroppo. Anche in questo caso è emersa l’assenza di volontà ad intervenire seriamente nell’alveo delle politiche familiari, ancora una volta emerge una forma di miopia programmatica che della politica italiana.

Una tra le tante risposte possibili per favorire la conciliazione nasce proprio da un blog,  l’idea che portano avanti con passione e convinzione tante mamme e papà è quella di utilizzare i congedi parentali ad ore, garantendo una “flessibilità dell’orario di lavoro a favore dei neo-genitori” che rende la vita con i figli, non sempre migliore, ma almeno pensabile! (in genere ha pubblicato un articolo esplicativo sul tema).  Questa proposta sta  facendo capolino, molto  timidamente, anche a livello istituzionale: tra i disegni di legge in esame nei due rami del parlamento, ce ne sono almeno tre, che (ri)propongono infatti il congedo parentale part time.

E infine vi segnalo non una possibile proposta, ma una fattibile soluzione. Si tratta di un esperimento riuscito, o meglio, come ben detto dal giornalista del Corriere, una rivoluzione silenziosa nel mondo del lavoro: la “smaterializzazione” degli uffici.

E’ stata avviata nella sede milanese della Siemens e non solo ha superato le criticità legate ai part time (penalizzazioni salariali e di posizione contrattuale), ma ha aumentato la produttività dimostrando come con l’ufficio che diviene nomade emerga in maniera effettiva la meritrocazia ( visto che contano solo gli obiettivi raggiunti e non le ore passate dietro una scrivania scolpita nella pietra); i lavoratori inoltre organizzando meglio le loro giornate sono più motivati e produttivi, perché del resto per lavorare poco e male non c’è bisogno di essere a casa propria. Si può fare benissimo anche dall’ufficio!!!

(Paolina Notaro)


[1] conosco molte persone che lavorano in grandi aziende soprattutto all’estero ed anche  in posizioni elevate le quali, se restano oltre le 17 ancora in ufficio, sono invitate ad andare a casa dai figli (o in palestra magari) . Probabilmente in alcuni contesti hanno ben chiaro che il valore del mondo al di là del lavoro è fondamentale.

4 commenti

Archiviato in Donne, economia

4 risposte a “Conciliare vita e lavoro?Volendo si può per tutti (papà compresi)

  1. La via italiana alla conciliazione passa attraverso molto part-time, molto più di quanto ce ne fosse pochi anni fa, tutto femminile, per lo più involontario: il part time è arrivato al 20,9% dell’occupazione totale, mentre era appena il 14,3% nel 2009.
    Esso rappresenta oggi (ultimo dato: 2° trimestre 2012) il 46% dell’ occupazione femminile e il 7,7% di quella maschile. E’ del tutto anomala – fra i paesi europei – l’eccessiva divaricazione fra peso percentuale del part-time fra le donne e fra gli uomini.
    Considerando che non c’è in Italia una consuetudine ad utilizzare il part-time anche nei lavori “alti”, come avviene ad es.in Olanda, o semplicemente in tutti i settori dell’economia, ma solo in alcuni “ghetti” sia pure molto estesi, tutto ciò da noi si risolve in un gran danno per il lavoro delle donne.

  2. serena

    la realtà è che non si vuole, in questo paese, creare una reale conciliazione perchè di proposte fatte negli ultimi anni da società civile, associazioni, esperti e studiosi del settore, ce ne sono per centinaia di pagine, e molte non comporterebbero grandi cambiamenti (una per tutti è sicuramente il congedo parentale frazionabile ad ore)…ed invece ci si limita a contentini sciocchi tipo i tre giorni ai padri, perchè il reale problema non è quello della produttività, come molti altri paesi insegnano, ma quello della cultura del lavoro che nel nostro paese è stantia. Per una reale conciliazione la rivoluzione è sicuramente quella della simens, ma quanti articoli o servizi ci sono stati sulle altre realtà di tele-lavoro fin’ora introdotte? (perchè ce ne sono altre). La volontà è di non cambiare perchè da noi vige la regola che bisogna controllare, e perchè la modalità più diffusa per valutare quanto prodotto è basarsi su quante ore si passano in ufficio, e non sulla reale produttività di un lavoratore.
    Quindi il primo passo della conciliazione è una riforma del mercato del lavoro che tra le sue basi abbia proprio la conciliazione.
    Il secondo è sicuramente quello della cultura familiare, perchè se è vero che i padri rivendicano un loro ruolo, è anche vero che l’altro problema della conciliazione è che nei carichi familiari la divisione del lavoro vede una partecipazione maschile quasi ridicola (I dati Istat dimostrano che gli uomini vorrebbero avere più tempo da dedicare alla famiglia], ma che nella realtà la partecipazione ai doveri familiari risulta scarsa)
    .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...